Connect with us

Attualità

ASKAP J1935+2148 e la scoperta che potrebbe rivoluzionare l’Astrofisica

Published

on

Foto: Reddit

In un angolo relativamente vicino del nostro universo, a soli 16 anni luce di distanza, gli astronomi hanno rilevato un segnale radio straordinario che potrebbe trasformare la nostra comprensione delle stelle di neutroni.

Questo segnale, denominato ASKAP J1935+2148, si ripete ogni 54 minuti e mostra tre stati di emissione distinti che cambiano nel tempo: due stati con impulsi che evolvono nell’arco di otto mesi e un terzo stato senza impulsi. Questa variabilità sfida le teorie attuali sull’evoluzione delle stelle di neutroni.

Se confermato, questo segnale rappresenterebbe la prima stella di neutroni che ruota così lentamente emettendo onde radio.

ASKAP J1935+2148 si trova nei pressi della magnetar SGR 1935+2154 e dei resti di una supernova nella costellazione della Volpetta.

Le stelle di neutroni, residui di stelle massicce morte, sono caratterizzate da una densità estremamente elevata e una massa compresa tra 1,4 e 3 volte quella del Sole, concentrata in un raggio di appena 10 km. Le oltre 3.000 stelle di neutroni conosciute emettono impulsi radio a intervalli di pochi secondi o meno.

Il segnale di ASKAP J1935+2148 invece risulta essere peculiare, ripetendosi ogni 54 minuti e mostrando tre stati distinti: uno brillante con impulsi polarizzati linearmente, uno 26 volte più debole e un terzo senza impulsi. La variazione degli stati nel corso di otto mesi suggerisce cambiamenti fisici nella regione di emissione. Gli astronomi, utilizzando il telescopio ASKAP e il radiotelescopio MeerKAT, hanno decifrato lo schema degli impulsi.

Manisha Caleb dell’Università di Sydney, autrice principale dello studio, ha evidenziato l’unicità di questi tre stati di emissione e l’importanza di MeerKAT nell’identificarli.

Sebbene sia possibile che il segnale possa provenire da una nana bianca isolata con un campo magnetico intenso, l’ipotesi di una stella di neutroni appare più probabile.

Questa scoperta potrebbe quindi rivoluzionare totalmente la comprensione delle stelle di neutroni, suggerendo che possano evolversi in modi finora sconosciuti.

Così attraverso ogni nuova osservazione, l’universo svela un po’ di più dei suoi misteri, ricordandoci quanto ancora l’umanità abbia da imparare sulle meraviglie celesti, e spingendo la scienza verso scoperte che potrebbero ridefinire le leggi fondamentali che governano il cosmo

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

La partita del cuore: in campo politici e cantanti per una buona causa

Published

on

Ieri sera Rai 1 ha trasmesso la partita del cuore, l’evento benifico arrivato alla sua 33a edizione, che quest’anno a L’Aquila ha visto la Nazionale Cantanti sfidare i politici.

LA SQUADRA CHE NON TI ASPETTI

A rappresentare i politici vi erano esponenti di tutti i posizionamenti, guidati dal Presidente del Senato Ignazio la Russa, che ha svolto la carica di commissario tecnico.

Ma la vera sorpresa è stata quella di vedere in campo leader politici rivali e contrapposti, capaci di fare squadra per una giusta causa, come Giuseppe Conte e Matteo Renzi, che in campo hanno fatto vedere le loro eccellenti qualità tecniche.
Inoltre nella squadra dei politici vi era anche la leader del PD Elly Schlein, che ha disputato un’ottima partita, mentre tra i pali c’è stato inizialmente il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti, sostituito poi nel secondo tempo da Angelo Bonelli dei Verdi.

CHI SONO I VINCITORI?

Tecnicamente a vincere l’incontro sono stati i politici, che hanno sconfitto ai calci di rigore la Nazionale Cantanti, ma la vittoria più importante è stata quella della solidarietà, essendo che l’obbiettivo è stato quello di raccogliere fondi con il 45585, per poi essere devoluti al reparto Pediatria dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila e all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Continue Reading

Attualità

Gaza, Israele non si ferma: colpita una scuola gestita dall’Onu

Published

on

Secondo quanto riportato dalla difesa civile di Hamas , l’esercito israeliano ha eseguito 5 raid nel nord, nel centro e nel sud di Gaza, uccidendo 57 persone.

LA SITUAZIONE ATTUALE

Un funzionario della protezione civile, Mohammad Al-Moughaïr, ha comunicato che nella giornata di ieri,  ci sono stati 48 morti in “tre massacri avvenuti in meno meno di un’ora”. 

I primi 3 raid hanno avuto luogo in una stazione di Al-Mawasi, città situata a sud della Striscia di Gaza, in una scuola ONU per i rifugiati palestinesi (UNRWA), e in una zona limitrofa alla rotatoria della città di Beit Lahia.

LE GIUSTIFICAZIONI DI ISRAELE

In merito a questi attacchi , l’esercito israeliano in un comunicato, ha affermato di aver preso di mira “terroristi che utilizzano una scuola dell’Unrwa nella regione di Nusseirate “un’azienda leader della Jihad islamica “, aggiungendo che hanno adottato numerose misure per ridurre il rischio di colpire i civili, ma in realtà queste misure non sono state applicate, mettendo in pericolo la vita dei civili.

IL MASSACRO INOSSERVATO

Ancora una volta si assiste a degli episodi terribili, di civili palestinesi uccisi da quelli che pochi hanno il coraggio di definirli nella maniera più opportuna, ossia terroristi israeliani.

Peraltro prosegue l’allineamento militarista pro-Israele da parte dell’Unione Europea, sempre più subordinata dai principali corresponsabili di tale evento, gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda la stampa , non è da meno la scarsezza informativa che persiste nel raccontare questi scenari, ad esempio nei principali quotidiani italiani la notizia del raid israeliano che ha distrutto una scuola , gestita dalle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, non ha avuto un posizionamento centrale.

Continue Reading

Attualità

L’eliminazione delle zanzare: un sogno o un incubo ecologico?

Published

on

Foto: Pngtree

Negli ultimi decenni, (soprattutto dopo l’esperimento dell’Imperial Collage di Londra sull’alterazione del gene femminile delle zanzare che ne evita la riproduzione), sembra che l’idea di un mondo senza zanzare abbia solleticato l’immaginazione di scienziati e cittadini stanchi delle punture pruriginose e delle malattie che questi insetti trasmettono.

Ma cosa accadrebbe davvero se riuscissimo a eliminare completamente le zanzare? Le risposte a questa domanda sono complesse e coinvolgono una serie di implicazioni ecologiche e sanitarie.

UN MALE NECESSARIO?

Le zanzare sono spesso viste come una piaga, ma svolgono anche ruoli ecologici importanti. Questi insetti rappresentano una fonte di cibo essenziale per molti organismi.

Larve di zanzara sono predate da pesci, anfibi e altri invertebrati acquatici, mentre le zanzare adulte sono cibo per uccelli, pipistrelli e altri insetti.

Eliminando le zanzare, potremmo causare un effetto a catena su questi ecosistemi, con conseguenze difficili da prevedere; nonostante alcuni scienziati sostengono che altri insetti potrebbero sostituire il ruolo delle zanzare nella catena alimentare, tuttavia, la velocità e l’efficacia di tale sostituzione rimangono incerte.

La perdita di una specie può creare vuoti ecologici che potrebbero richiedere molto tempo per essere colmati, con effetti negativi sui predatori che dipendono dalle zanzare per la loro sopravvivenza.

Rich Merrit, docente dell’università del Michigan, (che ha studiato le zanzare per 25 anni) sembra essere fortemente convinto che  eliminare le zanzare depriverebbe molti pesci, uccelli e rettili di una fonte di cibo, e alcune piante di un impollinatore fondamentale.

LA LOTTA CONTRO LE MALATTIE

Uno dei principali argomenti a favore dell’eliminazione delle zanzare è la riduzione delle malattie che trasmettono, come la malaria, la dengue, il virus Zika e la febbre gialla. Queste malattie causano milioni di morti e affliggono miliardi di persone ogni anno.

La scomparsa delle zanzare portatrici di queste malattie potrebbe salvare innumerevoli vite e ridurre notevolmente le spese sanitarie globali.

Tecnologie innovative come la modifica genetica e il rilascio di zanzare sterili sono state proposte come soluzioni per ridurre o eliminare popolazioni di zanzare pericolose. Ad esempio, l’uso di zanzare geneticamente modificate per produrre prole non vitale ha già mostrato risultati promettenti in alcune regioni.

Tuttavia, queste tecnologie sollevano preoccupazioni etiche e pratiche.
Quali saranno le conseguenze a lungo termine di tali interventi?

Possiamo prevedere tutti gli effetti collaterali ecologici e genetici?

IMPLICAZIONI ETICHE E MORALI

L’eliminazione di una specie, anche se dannosa per l’uomo, pone dilemmi etici significativi. Abbiamo il diritto di estinguere una specie per il nostro beneficio? E quali sono le conseguenze morali di una tale azione? La biodiversità del nostro pianeta è il risultato di milioni di anni di evoluzione, e ogni specie ha un ruolo nel mantenimento degli equilibri ecologici.

Inoltre, le zanzare non sono solo parassiti; alcune specie sono impollinatori, contribuendo alla riproduzione di piante selvatiche. L’eliminazione di questi insetti potrebbe quindi avere ripercussioni anche sulla vegetazione.

La prospettiva di un mondo senza zanzare è attraente per molti, specialmente per coloro che vivono in regioni afflitte da malattie trasmesse da questi insetti. Tuttavia, le conseguenze ecologiche, sanitarie ed etiche di tale intervento sono complesse e richiedono un’attenta considerazione.

L’eliminazione delle zanzare potrebbe sembrare un sogno, ma potrebbe anche trasformarsi in un incubo ecologico. Prima di parlare di “estinzione” vera e propria, bisognerebbe dunque trovare soluzioni che proteggano la salute umana senza compromettere l’equilibrio del nostro fragile ecosistema.

Continue Reading

Facebook

Altri articoli in ‘Attualità’

Trending

Copyright © 2024 - by Exit Web Systems

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.