Connect with us

Lifestyle

Il segreto della longevità: le abitudini delle persone che vivono più a lungo

Published

on

Foto: Vogue France

In un mondo dove l’aspettativa di vita si prolunga progressivamente, i trucchetti per arrivare ad una formula di elisir di lunga vita diventano sempre più ricercati.

Ma qual è il vero e proprio segreto delle persone che hanno vissuto più a lungo?

La scienza, insieme a vari racconti individuali potrebbero offrire risposte illuminanti.

GENETICA: Ovviamente la genetica ha un ruolo centrale nella predisposizione alla salute nell’età avanzata. È innegabile che alcune persone siano disposte a vivere più a lungo grazie ad un patrimonio genetico favorevole. Tuttavia, il contesto ambientale in viviamo e le scelte quotidiano giocano un ruolo altrettanto cruciale. Come dimostrato da recenti studi,anche uno stile di vita sano può fare la differenza.

COMUNITÀ E RELAZIONI SOCIALI: Le persone longeve tendono ad avere una vita sociale attiva e un forte senso di comunità. Sentirsi parte di un gruppo e avere relazioni significative può ridurre lo stress e migliorare il benessere generale. Per il Giappone, il concetto di “ikigai” – (che si traduce in “una ragione per vivere”, e che consiste nel mantenere una mente serena e aperta alle novità) – è centrale per la felicità e la longevità. Un esempio emblematico è rappresentato dall’isola di Okinawa, dove gli anziani si riuniscono in gruppi chiamati “moai per supportarsi reciprocamente, e trovare la propria tranquillità e felicità nel corso della vita.

ALIMENTAZIONE: Secondo la scienza uno degli elementi chiave per una vita lunga e sana è senza dubbio l’alimentazioneNelle “zone blu” del mondo (termine utilizzato per indicare territori con un’aspettativa di vita maggiore) la dieta è prevalentemente basata su cibi naturali e integrali. All’estremo sud del Giappone continentale; area geografica con un alto numero di centenari; la popolazione sembra consumare principalmente verdure, abbondanti legumi, frutta, pesce e olio d’oliva; riducendo al minimo il consumo di carne rossa e prodotti processati.

FUMO: L’abitudine di fumare e consumare alcolici è nota per essere deleteria per la salute e può ridurre significativamente l’aspettativa di vita. Il fumo è responsabile di numerose malattie, tra cui cancro ai polmoni, malattie cardiache e malattie respiratorie croniche. Si stima che esso possa accorciare la vita di ben 8/12 anni.

TESTIMONIANZE: Prendiamo il caso di Emma Morano, che riuscendo ad arrivare all’età di 117 anni, è stata per molto tempo considerata una delle persone più anziane del mondo fino alla sua morte avvenuta nel 2017. Dopo aver vissuto due guerre mondiali, e l’influenza spagnola è spesso stata intervistata, avendo preservato una mente lucida e autonoma, e come detto da lei stessa mantenendosi con “tre uova al dì e un pochino di carne macinata.”
Non sembra aver utilizzato particolari strategie per mantenersi in forma durante la sua giovinezza: “Niente di particolare” ha raccontato ma andavo a ballare il valzer ed ero felice così.”

Classe 2004. Studentessa in Lettere all’Università degli studi di Palermo. Aspirante editor e giornalista. Appassionata di musica, vintage e letteratura.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lifestyle

Top 50 migliori spiagge nel mondo: L’Italia è sul podio

Published

on

Tra i litorali marittimi migliori a livello globale, le migliori si trovano proprio nella nostra penisola. Ecco l’elenco delle spiagge da visitare almeno una volta.

L’Italia, da Nord  a Sud, possiede gioielli naturalistici famosi in tutto il mondo, tra cui anche le coste, alcune delle quali sono riuscite ad appropriarsi un posto nella lista delle spiagge più belle del mondo. Una di queste ha superato i famosi paradisi tropicali come le Hawaii, il Messico o le Filippine, aggiudicandosi la seconda posizione sul podio.

La spiaggia in questione è Cala Marilou, in Sardegna, situata nel comune di Baunei che da diversi anni adotta politiche per la salvaguardia e la tutela dell’ambiente.

La classifica è stata sfilata da The World’s 50 Best Beaches, un sito che ogni anno tramite il contributo di professionisti ed esperti, sceglie le migliori 50 spiagge di tutto il mondo.

CALA MARILOU: PARADISO A EST DELLA SARDEGNA

Cala Marilou si distingue per la sua bellezza e privacy che offre. Situata lungo al costa orientale dell’isola, si può raggiungere solo in barca o attraverso sentieri scoscesi in grado di regalare un’avventura emozionante: le escursioni sulle scogliere circostanti offrono un panorama mozzafiato sulla baia, ricoperta esternamente da rocce frastagliate. La vista dall’alto invece, mette in risalto le varie sfumature dell’acqua, andando da un zaffiro intenso all’acqua marina bollente.

LE ALTRE SPIAGGE ITALIANE NELLA CLASSIFICA

Oltre a Cala Marilou, nella classifica delle migliori spiagge al mondo c’è anche Cala Goloritzé e la Spiaggia dei Conigli. La prima si trova pure in Sardegna, ed è classificata diciannovesima, famosa per il suo pinnacolo in roccia calcarea che si erge a 143 metri di altezza; inoltre è accessibile massimo a 250 persone ed è obbligatoria la prenotazione.

La seconda invece è situata nella cinquantesima posizione, ma è stata menzionata anche dalla guida turistica Trip Advisor che l’ha inserita al secondo posto delle 25 spiagge più belle del mondo: è situata in Sicilia nell’isola di Lampedusa, si tratta di una riserva naturale marina protetta, dunque le attività da poter svolgere sono limitate.

CLASSIFICA 50 SPIAGGE PIU’ BELLE DEL MONDO

  1.  Trunk Bay USA
  2. Cara MarilouItalia
  3. Baia di MeadsAnguilla
  4. Spiaggia di EntalulaFilippina
  5. Spiaggia di Voutomi – Grecia
  6. Talbot BayAustralia
  7. Spiaggia RosaIndonesia
  8. Anse GeorgetteSeychelles
  9. Laguna VerdePolinesia Francese 
  10. Isola del Ferro di CavalloMyanmar 
  11. Calo des MoroSpagna
  12. Le Morne BeachMauritius 
  13. Spiaggia di AharenGiappone 
  14. Spiaggia di LanikaiHawaii
  15. One Foot IslandIsole Cook 
  16. Playa BalandraMessico
  17. Grace BayIsole Turks e Caicos 
  18. Spiagge di PuinnNorvegia 
  19. Cala GoloritzeItalia 
  20. Anchor Bay BeachAustralia 
  21. Gardner BeachEcuador 
  22. Anse Source D’ArgentSeychelles
  23. Spiaggia della LibertàTailandia 
  24. Cayo de AguaVenezuela 
  25. Praia de MarinhaPortogallo 
  26. Seven Mile BeachIsole Cayman 
  27. Grote KnipeCurçao
  28. HorseshoeBermuda 
  29. Spiaggia di FteriGrecia 
  30. Baia di MaundaysAnguilla 
  31. Cayo ZapatillaPanama
  32. Spiaggia dei MassiSud Africa 
  33. Wharton BeachAustralia 
  34. Grand AnseGrenada 
  35. Baia do Sancho Brasile
  36. Spiaggia Kelebekler VadisiTurchia 
  37. Colombier BeachSt. Barth 
  38. Playa Xpu HaMessico 
  39. Kelingking BeachIndonesia 
  40. Spiaggia di Kapalua Bay Hawaii
  41. Spiaggia dei DiamantiIslanda 
  42. Pipe Greek Sandbar Bahamas 
  43. Cayo LevantadoRepubblica Domenicana 
  44. Henderson BeachUSA 
  45. Bon Bon BeachFilippine
  46. Cathedral Cove BeachNuova Zelanda 
  47. Playa VaraderoCuba 
  48. Kynace CoveRegno Unito
  49. Spiaggia dell’ AquilaUruba 
  50. Spiaggia dei ConigliItalia 
Continue Reading

Lifestyle

Hikikomori: allarme per la società della Generazione Z?

Published

on

Hikikomori” in giapponese significa “stare in disparte” e viene utilizzato attualmente per indicare chi decide di ritirarsi dalla vita sociale per periodi molto lunghi, a volte ad anni.

Queste persone rimangono rinchiuse nella propria abitazione evitando qualsiasi tipo di contatto diretto con il mondo esterno, talvolta anche con gli stessi familiari.

CHI SONO

Gli Hikikomori sono soprattutto giovani tra i 14 e 30 anni,  di cui il 70-90% dei casi sono maschi. Le indagini ufficiali dal governo giapponese condotte fin ora mostrano più di 1 milione di casi, evidenziando una grandissima incidenza anche nella fascia degli over 40. Ciò è dovuto perché nonostante i soggetti hikikomori si palesano principalmente durante l’età adolescenziale, tale condizione tende a diventare cronica, rischiando di rimanere per tutta la vita.

Nel nostro paese, soprattutto a seguito della pandemia che ha contribuito a peggiorare il problema, l’attenzione nei confronti di tale fenomeno sta aumentando. Anche se non ci sono dati ufficiali, si stima ci siano ancora 100.000 casi.

LE CAUSE

Lo psicologo Marco Crepaldi, fondatore dell’associazione Hikikomori Italia ha spiegato: “Alla base di questa condizione c’è un disagio adattivo sociale. I giovani, che sperimentano una forte ansia sociale, faticano a relazionarsi con i coetanei e ad adattarsi alla società. Sono spesso ragazzi molto intelligenti, con un elevato QI, ma di carattere molto introverso e introspettivo, sensibili e inibiti socialmente, convinti di stare meglio da soli, lontani da tutti“.

CAMPANELLI D’ALLARME

Per intervenire nell’immediato prima che la situazione possa peggiorare drasticamente, è buono sapere alcuni atteggiamenti che possono evidenziare chi è a rischio di sfociare in un soggetto Hikikomori.  Marco Crepaldi dunque ci dice: “I principali campanelli di allarme a cui le famiglie dovrebbero prestare attenzione sono legati all’insofferenza nella socialità. Dapprima, il rifiuto è legato alle attività extrascolatiche come sport o uscite con gli amici. Successivamente, segue anche il rifiuto della scuola, il cui ambiente, dove possono celarsi storie di bullismo, viene vissuto in modo particolarmente negativo. Gli hikikomori si isolano progressivamente e sviluppano una visione molto negativa della società, soffrendo particolarmente le pressioni di realizzazione sociale, dalle quali cercano in tutti i modi di fuggire. Tutto questo porta a una crescente difficoltà, demotivazione e depressione del soggetto. La dipendenza da internet, al contrario di quanto si pensi, non è una causa dietro all’esplosione del fenomeno, ma rappresenta una possibile conseguenza”.

RAPPORTO CON LE FAMIGLIE

Cause significative che possono portare all’instaurarsi della condizione Hikikomori possono essere rapporti difficoltosi con i genitori possibilmente troppo incentivanti, senza rispettare le necessità e i disagi del ragazzo, o di natura iperprotettiva, il dottor Crepaldi specifica dicendo: “Togliendo ai ragazzi la possibilità di sviluppare le competenze necessarie per transitare all’età adulta, proteggendoli eccessivamente e impedendo loro di compiere errori, di fatto li si porta al fallimento di uno step evolutivo. I ragazzi hikikomori sono eterni adolescenti che hanno un rapporto conflittuale con i genitori da cui sono dipendenti, ma che allo stesso modo trattano male, alle volte usando contro di loro violenza verbale e fisica“.

POSSIBILI SOLUZIONI

Infine il dottor Crepaldi ci mostra le possibili soluzione per non far sorgere il fenomeno: “Solitamente, i ragazzi Hikikomori sono molto restii a farsi aiutare. Le richieste, infatti, provengono principalmente dai genitori ai quali consigliamo di creare un legame positivo, un’alleanza genitore-figlio, fondamentale perché il ragazzo accetti di farsi aiutare. Solitamente forniamo aiuto psicologico online o a domicilio: partiamo dalla famiglia e cerchiamo di avvicinare il ragazzo. Se non collabora e non vuole essere aiutato, si cerca di intervenire e lavorare sul genitore sperando di ottenere effetto indiretto sul ragazzo. Consigliamo, come prima cosa, di dialogare con il ragazzo, e di rapportarsi a lui con un atteggiamento non giudicante. Al centro deve essere messo il suo benessere, senza alimentare quelle pressioni e quelle aspettative sociali, causa dell’isolamento. Per questo motivo, se il ragazzo rifiuta la scuola, è bene non insistere ma magari trovare un piano didattico personalizzato che preveda la frequenza a casa, da remoto. Sicuramente consigliamo di evitare atteggiamenti coercitivi come staccare internet, oppure usare la forza per impedire al figlio di chiudersi a chiave in camera. Oltre al supporto psicologico, è fondamentale un aiuto psichiatrico, anche farmacologico, qualora servisse, ad esempio in caso di una depressione grave.

Continue Reading

Lifestyle

Il futuro della lettura: cartaceo vs digitale

Published

on

Foto: Teahub

I libri cartacei hanno indubbiamente una lunga storia alle spalle, e offrono un’esperienza che molti lettori trovano insostituibile.

Tuttavia, nonostante il piacere di sfogliare le pagine, l’odore della carta o anche il semplice tenere il libro tra le mani sia qualcosa che contribuisca nel renderla maggiormente immersiva; negli ultimi anni l’innovazione della tecnologia ha fatto sì che anche la digitalizzazione della lettura guadagnasse terreno.

Su una cosa non c’è dubbio: i formati accessibili tramite E-Reader, Tablet e Smartphone offrono una comodità impareggiabile sotto molti punti di vista.

Secondo i dati dell’Association of American Publishers(AAP), nel 2023, i ricavi delle vendite di e-book negli Stati Uniti hanno raggiunto circa 1,1 miliardi di dollari, rappresentando circa il 20% del mercato totale del libro. Questo dato evidenzia una crescita rispetto agli anni precedenti, ma i libri cartacei continuano a dominare il mercato, con ricavi che superano i 5 miliardi di dollari nello stesso periodo.

In Italia, secondo un rapporto dell’Associazione Italiana Editori (AIE), nel 2023, il mercato degli e-book ha rappresentato circa il 12% delle vendite totali di libri, con una crescita del 7% rispetto all’anno precedente. Nonostante l’incremento, i libri cartacei rimangono prevalenti, con il 78% delle vendite totali.

La sfida tra cartaceo e digitale non sembra insomma destinata a concludersi presto; attraverso significativi vantaggi e svantaggi che rappresentano in pieno le differenti esigenze dei lettori; vediamone alcuni:

LIBRI CARTACEI:

Durata: Non dipendono da batterie ed essendo indipendenti da qualsiasi forma di tecnologia, possono durare secoli se ben conservati.

Collezionabilità: A tal proposito, molti appassionati si dilettano nel collezionare edizioni rare e di valore.

Spazio: Occorre un vero e proprio spazio fisico per conservare i libri; soprattutto quelli più pesanti e voluminosi.

Costi di produzione e distribuzione: La stampa e la distribuzione possono essere più costose e meno ecologiche rispetto al digitale.

LIBRI DIGITALI:

Più tascabili: Un singolo dispositivo può contenere  centinaia di libri, acquistati o (addirittura scaricati gratuitamente) da qualsiasi parte del mondo.

Funzionalità avanzate: Con note, evidenziatori, ricerca del testo e traduzione integrate con riduzione del consumo di carta e delle emissioni legate alla produzione e distribuzioni.

Durata limitata: Riferita alla necessità di dispositivi elettronici di qualità e caricatori per una lettura duratura.

Affaticamento visivo: la lettura su schermo può causare affaticamento agli occhi, (nonostante varie tecnologie come E-Ink stiano cercando di ridurre questo problema.)

Ma l’innovazione tecnologica non si ferma ai soli e-book! Negli ultimi anni, gli audiolibri hanno registrato un incremento di popolarità straordinario. Secondo un report di Audible, il numero di ore di ascolto degli audiolibri è cresciuto del 20% negli ultimi due anni, offrendo una nuova dimensione di accessibilità per chi è sempre in movimento.

Il futuro della carta potrebbe quindi continuare ad evolversi, con lettori che utilizzano i formati a seconda delle circostanze e preferenze personali.

Continue Reading

Facebook

Altri articoli in ‘Lifestyle’

Trending

Copyright © 2024 - by Exit Web Systems

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.