Connect with us

Intrattenimento

Netflix: in arrivo la serie su Minecraft

Published

on

Netflix ha annunciato un nuovo progetto in lavorazione: una serie animata basata sul famosissimo videogioco a cubetti Minecraft. 

Si tratta di un sandbox gaming, ossia un ambiente teoricamente infinito, completamente costruito da blocchi di cubi, al cui interno ogni giocatore può esplorare, minare materiale e costruire utensili, formazioni geografiche, case e tante altre attività.

L’influenza di Minecraft ha allargato i confini dei giocatori di tutto il modo, influenzando moda, merchandising e molti altri ambiti. Ora è in arrivo la serie animata targata Netflix, introducendo questo mondo immaginario a milioni di persone.

La serie sarà realizzata interamente con la tecnica d’animazione CGI, in collaborazione con Wild Brain. Al momento non ci sono notizie sulla trama, ma la sinossi ufficiale ha annunciato che tratterà “storia originale con nuovi personaggi, che mostrerà il mondo di Minecraft sotto una luce inedita“.  D’altronde il gioco stesso non ha una struttura narrativa lineare e prestabilita, quindi sarà più interessante capire quale sarà il punto di vista che gli sceneggiatori utilizzeranno, in grado di raccontare questo mondo senza limiti.

Classe 2003. Studentessa in Scienze della Comunicazione all'Università degli studi di Palermo. Aspirante giornalista e graphic designer e appassionata della cultura giapponese, delle riviste della nuova generazione e ogni forma d'arte.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Carlo Conti annuncia alcune novità su Sanremo 2025

Published

on

Foto: In Abruzzo

Carlo Conti, il celebre presentatore televisivo, ha recentemente annunciato alcune delle principali novità che caratterizzeranno l’edizione 2025 del Festival di Sanremo, di cui sarà il nuovo conduttore.

In una dichiarazione che ha già suscitato ampio dibattito, Conti ha offerto un’anteprima su quello che i telespettatori possono aspettarsi.

OSPITI A SANREMO 2025?

Non so ancora chi vorrò avere, magari in questa edizione non ci saranno nemmeno”

Ha dichiarato Conti, lasciando intendere che l’edizione potrebbe prendere una direzione alquanto inaspettata.

L’assenza di ospiti di rilievo potrebbe rappresentare una svolta significativa rispetto alle edizioni passate, spesso caratterizzate dalla presenza di star nazionali e internazionali.

Un altro cambiamento di rilievo riguarda la suddivisione fra le Nuove Proposte e i Big.

Conti ha infatti annunciato che le Nuove Proposte non gareggeranno insieme ai Big, mantenendo le due categorie separate.
Questo ritorno al passato potrebbe riportare alla mente le edizioni degli anni ’80 e ’90, in cui la distinzione fra giovani talenti e artisti affermati era ben marcata.

La competizione vedrà inoltre una riduzione del numero di canzoni in gara rispetto alle ultime edizioni.

Questo consentirà al festival di concludersi intorno all’una di notte, una scelta che potrebbe essere apprezzata da molti spettatori.

Dopo la conclusione del festival, ci sarà spazio per un momento di approfondimento e intrattenimento con il ritorno del Dopofestival un appuntamento amato dal pubblico e dalla critica per le sue discussioni più informali e approfondite sui temi della serata.

Infine, Carlo Conti ha lanciato un appello “Sarebbe fantastico iniziare con Albachiara cantata da Vasco Rossi. Vasco, pensaci“. L’idea di aprire il festival con uno dei brani più iconici della musica italiana, cantato dal suo stesso autore, sarebbe un omaggio straordinario e un momento emozionante per il pubblico. La risposta di Vasco Rossi è attesa con grande curiosità!

Partendo da queste premesse, l’edizione 2025 del Festival di Sanremo si prospetta ricca di novità e cambiamenti, mantenendo al coltempo un forte legame con le tradizioni passate. 

Continue Reading

Intrattenimento

Hunger Games: annunciato nuovo prequel della saga inclusa la data di uscita

Published

on

Il prossimo film tratto dai noti romanzi di Suzanne Collins, porterà sul grande schermo uno degli eventi più importanti della storia di Panem. Il regista Francis Lawrence è in trattative per adattare l’ultimo libro dell’universo di Hunger Games: Sunrise on the Reaping. L’uscita nelle sale è prevista per il 26 novembre. 

La conferma dell’inizio della lavorazione del nuovo prequel arriva da Lionsgate, basato su Hunger Games: Sunrise on the Reaping. La Collins e il suo editore Scholastic hanno annunciato giovedì il quinto libro della serie. Attualmente non si sa ancora molto sul cast del film.

SINOSSI

Sunrise on the Reaping ritorna nel mondo di Panem 24 anni prima degli eventi di Hunger Games e programmato per la mietitura del cinquantesimo Hunger Games, noto come Second Quarter Quell. Alla quale ha preso parte l’amato personaggio di Haymitch Abernathy, mentore di Katniss e Peeta nei 74esimi Hunger Games e interpretato sul grande schermo da Woody Harrelson.

DICHIARAZIONI

Fogelson della Lionsgate ha dichiarato in un comunicato mentre anticipava il prossimo capitolo della serie di film: “L’evento del secondo quarto è leggendario e incombe sulla storia dei Giochi, anche ai tempi di Katniss Everdeen, un quarto di secolo dopo. Come i fan di tutto il mondo, stiamo aspettando con impazienza questo entusiasmante ritorno a Panem“.

Inoltre, Adam Fogelson, presidente della divisione cinematografica dello studio, è entrato più nel dettaglio spiegando: “La ballata dell’usignolo e del serpente ha aperto una serie infinita di possibilità narrative per Suzanne Collins, e che Lionsgate può seguire con lei. Suzanne è una grande narratrice e la nostra stella polare creativa. Non potremmo essere più fortunati dell’essere guidati e stimati da una collaboratrice il cui talento e immaginazione sono così costantemente brillanti. La Seconda Edizione della Memoria è leggendaria e incombe sulla storia dei Giochi, anche durante gli anni di Katniss Everdeen un quarto di secolo dopo.”

 

Continue Reading

Gossip

The Acolyte: La Seguace, il nuovo capitolo della saga di Star Wars

Published

on

L’annuncio dell’arrivo della nuova saga dark fantasy tratta da una delle saghe più famose al mondo: Star Wars, arriva da Disney +, pubblicando anche una data di uscita.

L’universo Star Wars sembra continua ad espandersi e stavolta punta al passato, precisamente al momento in cui tutto iniziò ad andare per il verso sbagliato. Con The Alcolyte:La Seguace la saga mostra la nascita e ascesa dell’Ordine Sith.

La serie, potrebbe rientrare tra le più cupe mai realizzate negli ultimi anni, ricca di effetti speciali e azione, con un declino destinato al racconto del Male. A mostrarci questa forte natura della serie saranno i primi due episodi, disponibili dal 5 agosto su Disney +.

TRAMA

Ambientata circa 100 anni prima degli eventi narrati in “Episodio I: La minaccia fantasma” la storia inizia con il Maestro Jedi Sol,  incaricato di investigare su un’allarmante numero di crimini che disturbano la quiete della Galassia. Andando sempre più a fondo nella vicenda, il maestro si imbatterà in una vecchia conoscenza: un’ex allieva apparentemente connessa alle forze oscure già in agguato, che potrebbero cambiare per sempre gli equilibri della forza, e che di fatti, faranno.

CAST

 Lee Jung-jae interpreterà il ruolo del Maestro Jedi investigatore, Amandla Stenberg avrà invece due personaggi a cui dare il volto. Oltre a loro ci saranno anche Manny Jacinto, Rebecca Henderson, Jodie Turner-Smith, Dafne Keen,  Carrie-Anne Moss sarà presente nei panni della guerriera Jedi Indara. 

DICHIARAZIONI

Lee Jung-jae durante una chiacchierata con Comicbook ha rivelato alcune curiosità relative al periodo delle riprese, occasioni in cui ha approfittato per migliorare il suo livello di inglese. Tra le difficoltà che l’attore ha incontrato nella fase dello shooting vi è la gestualità legata all’utilizzo della forza: “Era davvero stranissimo all’inizio.  Non sapevo come fare… Pensavo che la gestualità fosse importante, poi però ho capito che il segreto era nell’emozione dietro questi gesti, nel veicolare le sensazioni in uno specifico scenario. All’inizio mi interrogavo su come dovessi imporre le mie mani ed ero davvero legato all’aspetto gestuale, ma dopo un po’ di pratica e aver compreso meglio il mio personaggio, mi sono concentrato più sull’emozione che sul mio aspetto.”

Continue Reading

Facebook

Altri articoli in ‘Intrattenimento’

Trending

Copyright © 2024 - by Exit Web Systems

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.