Connect with us

Gossip

Mufasa: Il Re Leone, anticipazioni del nuovo prequel Disney -Video

Published

on

E’ uscito il primo trailer ufficiale di Mufasa. Ancora una volta, la Disney torna nelle terre del branco con una nuova storia sulle origini dello sfortunato padre di Simba, Mufasa, realizzando un prequel del classico Disney Il Re Leone. Il primo trailer ci mostra indizi schivi ma importanti per capire meglio la trama del leone che ha cambiato la vita di tutti.

Il primo trailer di Mufasa: Il re Leone è stato diffuso in rese anticipatamente dalla realizzazione della pellicola Disney diretta da Barry Jenkins. Anticipato con la prima foto suggestiva di Mufasa (padre di simba) ancora cucciolo. Il film arriverà in tutti i cinema in Italia dal 19 dicembre.

Il primo breve video sulla nuova pellicola ci mostra a primo impatto uno scenario nuovo, un branco di leoni che emerge da una grotta in cima a una montagna ghiacciata. “È un film di ‘viaggio’” ha affermato Barry Jenkins, aggiungendo “Siamo abituati a tutti questi personaggi che vivono insieme in questo unico posto, e penso che parte dell’obiettivo [del film] sia quello di mostrare davvero da dove provengono tutte queste persone e come sono finite insieme.” Da queste parole si percepisce che parte del viaggio del giovane Mufasa si espande oltre i luoghi in cui splende la luce, in terre che mettono in risalto la diversità dell’Africa, Jenkins dice a tal proposito: “Ho questa battuta davvero volgare in cui mi piace dire che ci sono tonnellate di persone che frequentano i programmi letterari delle scuole superiori e leggono [il racconto di Ernest Hemingway] Le nevi del Kilimangiaro e ancora non hanno idea che nevica sul continente dell’Africa” aggiungendo “È stato fantastico per me avere l’opportunità di ampliare la portata del mondo de Il Re Leone e, così facendo, sperimentare alcuni di questi ambienti davvero straordinari.

Il trailer, anticipato durante l’Expo D23 nel 2022, ha mostrato nei primi attimi Rafiki (interpretato da John Kani) che trasmette la leggenda di Mufasa a un gruppo di giovani cuccioli, tra cui Kiara, figlia di Simba e Nala, con Timon e Pumba che che commentano le vicende narrate. Successivamente si scopre con grande sorpresa che il leone che sarebbe dovuto diventare re sia in realtà un cucciolo orfano, dovendo affrontare da solo il mondo finché non ha trovato la strada per diventare il futuro monarca di Pride Rock: “In questo luogo è nato un leone senza una goccia di nobiltà nel sangue”, racconta Rafiki, il mandrillo che sollevò per primo il cucciolo appena nato Simba, affinché il regno animale ne fosse testimone: “Il leone che avrebbe cambiato le nostre vite per sempre.”

In questo nuovo film, Rafiki parla di “un leone nato senza una goccia di nobiltà nel sangue” riferendosi a un giovane Mufasa che arrivò al potere solo guadagnandoselo, non essendo nato dentro di esso: “Penso che il viaggio che Simba intraprende sia abbastanza simile al viaggio che Mufasa ha dovuto intraprendere” ha affermato il regista, continuando dicendo: “Ti è mai capitato di incontrare qualcuno e poi incontrare i suoi genitori e dire, ‘Oh mio Dio, vieni da una famiglia perfetta’ – quindi presumi semplicemente che i genitori siano cresciuti in queste condizioni perfette?“. Come detto dallo stesso Jenkins, il film vuole far mostrare che la vita di Mufasa non è stata così perfetta come molti si alludevano e la sua nobile natura potrebbe suggerire.

Mufasa: Il re leone è un film drammatico musicale diretto da Barry Jenkins, scritto da Jeff Nathanson e prodotto da Walt Disney Pictures e Pastel Productions. Il nuovo film si presenta come prequel del remake live-action del 2019, incentrato sull’ascesa di uno dei più grandi re del Pride Rock: Mufasa. Nella savana africana Rafiki racconta a Kiara, figlia di Simba e Nala, la storia di suo nonno, mentre  Timon e Pumba aggiungono commenti colorati al racconto.

Inoltre il regista, quando è stata annunciata il progetto della nuova pellicola per la prima volta ha dichiarato: “Dovevo fare questo film. Perché quando avevo 14 anni stavo crescendo due nipoti e c’era una VHS che abbiamo guardato circa 95 volte nell’arco di due giorni. Pensavo a Mufasa e a come cresce… Non sono un re, non sono un re… Mufasa trova la forza in se stesso e nella famiglia e amici che ha con lui.

Classe 2003. Studentessa in Scienze della Comunicazione all'Università degli studi di Palermo. Aspirante giornalista e graphic designer e appassionata della cultura giapponese, delle riviste della nuova generazione e ogni forma d'arte.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gossip

Antonella Clerici subisce un intervento alle ovaie

Published

on

Ieri mattina Antonella Clerici ha informato ai suoi follower di essersi sottoposta ad un intervento alle ovaie.

Queste le parole della celebre conduttrice RAI in seguito all’operazione: “Come sempre voglio essere sincera con voi e raccontarvi cosa mi è successo perché questo possa ricordare a tutti l’importanza della prevenzione”, la Clerici prosegue raccontando quanto accaduto  Giovedì scorso arrivo a Roma con l’idea di stare vicino a un’amica e di andare a Napoli al concerto di Gigi D’Alessio. Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione.

Infine tranquillizza i suoi fan, spiegando che l’operazione è perfettamente riuscita grazie all’ottimo lavoro svolto dall’equipe medica .

Continue Reading

Attualità

Carlo Conti annuncia alcune novità su Sanremo 2025

Published

on

Foto: In Abruzzo

Carlo Conti, il celebre presentatore televisivo, ha recentemente annunciato alcune delle principali novità che caratterizzeranno l’edizione 2025 del Festival di Sanremo, di cui sarà il nuovo conduttore.

In una dichiarazione che ha già suscitato ampio dibattito, Conti ha offerto un’anteprima su quello che i telespettatori possono aspettarsi.

OSPITI A SANREMO 2025?

Non so ancora chi vorrò avere, magari in questa edizione non ci saranno nemmeno”

Ha dichiarato Conti, lasciando intendere che l’edizione potrebbe prendere una direzione alquanto inaspettata.

L’assenza di ospiti di rilievo potrebbe rappresentare una svolta significativa rispetto alle edizioni passate, spesso caratterizzate dalla presenza di star nazionali e internazionali.

Un altro cambiamento di rilievo riguarda la suddivisione fra le Nuove Proposte e i Big.

Conti ha infatti annunciato che le Nuove Proposte non gareggeranno insieme ai Big, mantenendo le due categorie separate.
Questo ritorno al passato potrebbe riportare alla mente le edizioni degli anni ’80 e ’90, in cui la distinzione fra giovani talenti e artisti affermati era ben marcata.

La competizione vedrà inoltre una riduzione del numero di canzoni in gara rispetto alle ultime edizioni.

Questo consentirà al festival di concludersi intorno all’una di notte, una scelta che potrebbe essere apprezzata da molti spettatori.

Dopo la conclusione del festival, ci sarà spazio per un momento di approfondimento e intrattenimento con il ritorno del Dopofestival un appuntamento amato dal pubblico e dalla critica per le sue discussioni più informali e approfondite sui temi della serata.

Infine, Carlo Conti ha lanciato un appello “Sarebbe fantastico iniziare con Albachiara cantata da Vasco Rossi. Vasco, pensaci“. L’idea di aprire il festival con uno dei brani più iconici della musica italiana, cantato dal suo stesso autore, sarebbe un omaggio straordinario e un momento emozionante per il pubblico. La risposta di Vasco Rossi è attesa con grande curiosità!

Partendo da queste premesse, l’edizione 2025 del Festival di Sanremo si prospetta ricca di novità e cambiamenti, mantenendo al coltempo un forte legame con le tradizioni passate. 

Continue Reading

Gossip

Ecco come si è concluso lo scontro tra Luis Sal e Fedez

Published

on

Un’importante svolta giudiziaria ha segnato il destino del popolare podcast “Muschio Selvaggio“.

Il Tribunale di Milano ha emesso un provvedimento che decreta in favore della società di Luis, riconoscendo il suo diritto di rilevare le quote della società di Fedez, togliendo così quest’ultimo dalla gestione del progetto.

Il caso, che ha tenuto con il fiato sospeso i fan del podcast e il pubblico in generale, riguarda una disputa tra i due famosi protagonisti del panorama mediatico italiano. Luis e Fedez hanno co-fondato “Muschio Selvaggio”, un podcast che ha riscosso un grande successo, attirando un vasto pubblico grazie alla loro chimica e alle discussioni su una varietà di temi.

Tuttavia, dissapori interni hanno portato alla rottura della collaborazione e alla successiva battaglia legale per il controllo del podcast. La decisione del tribunale rappresenta un punto di svolta cruciale nella disputa, assegnando a Luis il diritto di proseguire senza l’ingerenza di Fedez.

Ora, Fedez si trova davanti a un bivio: procedere con la vendita delle sue quote davanti a un notaio, come sancito dal tribunale, oppure ignorare la decisione e affrontare ulteriori azioni legali. Questa seconda opzione potrebbe prolungare la disputa e causare ulteriori complicazioni giudiziarie.

Gli avvocati delle parti coinvolte non hanno rilasciato ulteriori commenti, limitandosi a confermare il rispetto della sentenza emessa.

Continue Reading

Facebook

Altri articoli in ‘Gossip’

Trending

Copyright © 2024 - by Exit Web Systems

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.