Connect with us

Cronaca

Inchiesta Bbc: migranti gettati in mare dalla Guardia Costiera greca

Published

on

Foto: Europa Today

Secondo quanto rilevato dallaBbc“, la Guardia Costiera greca ha provocato la morte di decine di migranti, gettandoli volontariamente nelle acque del Mediterraneo.

L’INCHIESTA DELLA BBC

Si presume che le vittime siano morte per due ragioni:

1) perché indotte ad abbandonare le acque territoriali greche.

2) per essere rispedite in mare dopo che avevano raggiunto le isole greche.
Questi episodi alquanto disumani si sono verificati negli ultimi 3 anni.
Nell’inchiesta realizzata dalla ‘Bbc” emerge che vi sono stati casi in cui le autorità greche hanno gettato in mare i migranti, mentre in altri casi dal racconto dei migranti si evince che sono stati trasportati su zattere gonfiabili senza motore, successivamente sgonfiate.

IL CONTESTO POLITICO

Il governo greco è noto per essere un fautore dei rimpatri forzati, essendo accusato di respingere i migranti verso la Turchia, peraltro il diritto internazionale giudica irregolare questa procedura.

LE TESTIMONIANZE DI UN MIGRANTE

Tra le testimonianze riportate nel documentario della ‘Bbc‘, vi è quella di un uomo camerunese, il quale racconta di essere stato cacciato, e in seguito trasferito in compagnia di  altri due migranti , sulla motovedetta della guardia costiera da poliziotti vestiti di nero“.
L’uomo ha proseguito il racconto dichiarando che è stato picchiato, per poi essere gettato in mare insieme agli altri due compagni.
Il migrante che ha raccontato tale accaduto si è riuscito a salvare, nuotando fino a riva, per quanto riguarda gli altri 2 migranti, purtroppo non ce l’hanno fatta e i loro corpi sono stati ritrovati sulla costa turca.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Gaza, Israele non si ferma: colpita una scuola gestita dall’Onu

Published

on

Secondo quanto riportato dalla difesa civile di Hamas , l’esercito israeliano ha eseguito 5 raid nel nord, nel centro e nel sud di Gaza, uccidendo 57 persone.

LA SITUAZIONE ATTUALE

Un funzionario della protezione civile, Mohammad Al-Moughaïr, ha comunicato che nella giornata di ieri,  ci sono stati 48 morti in “tre massacri avvenuti in meno meno di un’ora”. 

I primi 3 raid hanno avuto luogo in una stazione di Al-Mawasi, città situata a sud della Striscia di Gaza, in una scuola ONU per i rifugiati palestinesi (UNRWA), e in una zona limitrofa alla rotatoria della città di Beit Lahia.

LE GIUSTIFICAZIONI DI ISRAELE

In merito a questi attacchi , l’esercito israeliano in un comunicato, ha affermato di aver preso di mira “terroristi che utilizzano una scuola dell’Unrwa nella regione di Nusseirate “un’azienda leader della Jihad islamica “, aggiungendo che hanno adottato numerose misure per ridurre il rischio di colpire i civili, ma in realtà queste misure non sono state applicate, mettendo in pericolo la vita dei civili.

IL MASSACRO INOSSERVATO

Ancora una volta si assiste a degli episodi terribili, di civili palestinesi uccisi da quelli che pochi hanno il coraggio di definirli nella maniera più opportuna, ossia terroristi israeliani.

Peraltro prosegue l’allineamento militarista pro-Israele da parte dell’Unione Europea, sempre più subordinata dai principali corresponsabili di tale evento, gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda la stampa , non è da meno la scarsezza informativa che persiste nel raccontare questi scenari, ad esempio nei principali quotidiani italiani la notizia del raid israeliano che ha distrutto una scuola , gestita dalle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, non ha avuto un posizionamento centrale.

Continue Reading

Cronaca

Shiva condannato a 6 anni e mezzo di carcere per la sparatoria contro i rivali della crew di Rondo da Sosa

Published

on

Shiva condannato a 6 anni e mezzo di carcere per tentato omicidio. (altro…)

Continue Reading

Attualità

Addio a Pino D’Angiò, il cantautore che rivoluzionò la musica italiana negli anni ’80

Published

on

Foto: Gazzetta di Parma

Si è spento all’età di 71 anni Pino D’Angiò, il cantautore che negli anni ’80 conobbe uno straordinario successo con «Ma quale idea», brano che è stato considerato uno dei primi esempi di rap in lingua italiana.

Nato a Pompei come Giuseppe Chierchia, D’Angiò ha lasciato un’impronta indelebile nella musica non solo in Italia, ma anche all’estero.

La carriera di D’Angiò non si è limitata alla musica: è stato anche attore, doppiatore e produttore musicale, dimostrando una versatilità artistica che gli ha permesso di essere apprezzato su più fronti. Tuttavia, la sua attività artistica è stata spesso ostacolata da problemi di salute che, specialmente negli ultimi anni, ne hanno minato fortemente la vitalità.

Nonostante le difficoltà, Pino D’Angiò non si è mai arreso. La sua ultima apparizione pubblica è stata al Festival di Sanremo, dove ha partecipato nella serata dei duetti con i Bnkr44. La loro versione remixata di «Ma quale idea» è stata un grande successo radiofonico, testimoniando l’intramontabile valore della sua musica e la sua capacità di rinnovarsi.

Con la sua scomparsa, l’Italia perde un grande protagonista della scena musicale, un artista che ha saputo innovare e sorprendere, lasciando un’eredità che continuerà a ispirare le generazioni future.

Continue Reading

Facebook

Altri articoli in ‘Cronaca’

Trending

Copyright © 2024 - by Exit Web Systems

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.