Connect with us

Calcio

La Top11 della ventinovesima giornata: Fabbian e Pellegrini incursori, totem Zapata

Published

on

A nove giornate dalla fine dei giochi, in attesa del recupero di Atalanta-Fiorentina, ecco la Top11 con l’aggiunta di qualche menzione, della ventinovesima giornata di Serie A

PORTIERE: Wladimiro Falcone (Salernitana-Lecce 0-1). Nonostante le grandi prestazioni dell’estremo difensore romano, la porta dei salentini era una delle più perforate dell’intero campionato. Con l’arrivo di Gotti, nella vittoria di Salerno il Lecce torna a blindare la porta, soprattutto grazie agli interventi prodigiosi di Falcone;

DIFENSORE: Matteo Darmian (Inter-Napoli 1-1). Inzaghi lo schiera praticamente ovunque, tra difesa e fascia, e Darmian risponde sempre presente. Contro il Napoli si fa vedere più in fase offensiva che in difesa. Ha il merito di aprire le danze, con un inserimento da centrocampista puro, sul cross di Bastoni;

DIFENSORE: Theo Hernandez (Hellas Verona-Milan 1-3). Nonostante i risultati intermittenti dei rossoneri, le prestazioni di Theo rimangono sempre di alto livello. Le sgroppate del terzino francese rappresentano un porto sicuro per le transizioni offensive del Milan, e a Verona la gara si stappa grazie alla sua rete, un mix tra freddezza, caparbietà e un pizzico di fortuna;

DIFENSORE: Juan Jesus (Inter-Napoli 1-1). Dopo l’errore di Cagliari, che era costato due punti ai partenopei, l’esperto centrale brasiliano è finito al centro di continue critiche da tifosi e stampa. Il club azzurro ha sempre disposto grande fiducia in lui, e a San Siro, contro il rodatissimo attacco nerazzurro, riesce a bloccare eccellentemente Lautaro e Thuram. Nel finale ha il merito di pareggiare la gara su calcio d’angolo;

CENTROCAMPISTA: Nikola Vlasic (Udinese-Torino 0-2). L’ago della bilancia granata. Giocatore fondamentale in mezzo al campo grazie alla sua intelligenza tattica e al suo dinamismo. Juric lo schiera alle spalle di Zapata e Okereke e per tutta la partita crea problemi ai bianconeri. Nel secondo tempo riceve l’assist di Zapata e con il mancino chiude il match;

CENTROCAMPISTA: Giovanni Fabbian (Empoli-Bologna 0-1). Partita dopo partita, si sta confermando sempre di più come centrocampista incursore. Thiago Motta da due mesi a questa parte lo ha piazzato al centro del campo, con il compito di inserirsi come un centravanti, e nella difficile trasferta di Empoli ci vuole tutto il suo killer instict per conquistare tre punti che tengono vivo il sogno Champions;

CENTROCAMPISTA: Lorenzo Pellegrini (Roma-Sassuolo 1-0). Negli ultimi tre mesi solo Foden ha segnato più gol di Pellegrini nei maggiori campionati europei. Il capitano giallorosso sembra rigenerato dalla cura De Rossi,  dopo un girone d’andata complicatissimo, e le sue prestazioni e soprattutto i suoi gol, come quello che decide il match con i neroverdi, fanno volare sempre più in alto la Roma, adesso a ridosso della Champions;

CENTROCAMPISTA: Daniel Maldini (Monza-Cagliari 1-0). L’acquisto del giovane figlio d’arte ha sollevato i soliti mugugni riguardo il suo cognome, ma in Brianza Maldini ha trovato l’ambiente adatto per mettersi finalmente in mostra. Nelle ultime quattro partite, in cui il Monza ha totalizzato 9 punti, Maldini ha realizzato tre gol, tutti e tre decisivi per le vittorie dei brianzoli. Contro il Cagliari il gol vittoria arriva su calcio piazzato, con una parabola dolcissima che sbatte sulla traversa ed entra in porta;

ATTACCANTE: Vitinha (Juventus-Genoa 0-0). Dopo l’ottimo ingresso, con gol, contro il Monza, Gilardino decide di inserire il tridente contro la Juventus. La coesione con Retegui era uno dei punti interrogativi di questo Genoa, ma la grande prestazione del portoghese, caparbia e generosa, ha permesso al grifone di avere sempre dei punti di riferimento a cui affidarsi nelle situazioni di difficoltà, e portare a casa un punto d’oro contro una Juve sempre più in crisi;

ATTACCANTE: Duvan Zapata (Udinese-Torino 0-2). Il passaggio da Bergamo a Torino sembrava certificare la definitiva parabola discendente del colombiano, ma in Piemonte Zapata è tornato a essere devastante. Contro l’Udinese gioca una partita da vero totem, punto di riferimento per tutta la squadra con il suo imponente fisico. Apre la gara con un gran colpo di testa, la chiude con l’assist per il raddoppio di Vlasic;

ATTACCANTE: Taty Castellanos (Frosinone-Lazio 2-3). Il continuo ballottaggio con Immobile e la situazione critica della Lazio hanno frenato notevolmente il suo rendimento. Ma quest’anno il Taty quando vede il Frosinone si trasforma. Dopo il gol e l’assist dell’andata, allo Stirpe entra nel secondo tempo e in cinque minuti segna due gol che valgono la rimonta sui ciociari e tre punti che pesano tantissimo in questo buio periodo dei biancocelesti;

ALLENATORE: Stefano Pioli (Milan). La stagione del Milan vive di fiammate, e le prestazioni non sempre eccellenti hanno spinto Pioli al centro di continue critiche da parte della stampa e dei tifosi. Il Milan di questo 2024 però è una squadra viva, attiva e arcigna. Il doppio passaggio del turno in Europa League ha fatto maturare la rosa rossonera e adesso la vittoria di Verona e il pareggio della Juve, consegnano a Pioli l’occasione di conquistare il secondo posto, e lottare per l’Europa.

MENZIONI: Tra le menzioni Alex Meret (Inter-Napoli 1-1), autore di una grandissima prestazione a San Siro, provvidenziale in più occasioni. In difesa la rinascita diGianluca Mancini (Roma-Sassuolo 1-0), tornato ad altissimi livelli che gli sono valsi anche la Nazionale; eRiccardo Calafiori (Empoli-Bologna 0-1), decisivo in occasione del gol vittoria con il suo tiro da fuori area che porta all’errore Caprile. A centrocampo l’ottimo ingresso diValentin Carboni (Monza-Cagliari 1-0), che ha permesso al Monza di gestire agevolmente il risultato; e il ritorno al gol diMattia Zaccagni (Frosinone-Lazio 2-3), dopo più di tre mesi. In attacco un’altra grande prova di Noah Okafor (Hellas Verona-Milan 1-3), sempre pericoloso con le sue giocate; e Nikola Krstovic (Salernitana-Lecce 0-1), decisivo in occasione dell’autogol da tre punti di Gyomber

Menzione per Francesco Calzona (NAPOLI). Dal suo arrivo, il Napoli è ancora imbattuto in campionato. La sconfitta di Barcellona sembrava lapidaria per il cammino degli azzurri, chiamati a reagire contro la favoritissima Inter. Ma Calzona al Napoli ha portato serenità, ha portato idee nuove e ha rinnovato la fiducia verso i propri giocatori, e la grande prestazione dei partenopei certifica il gran lavoro svolto finora dal tecnico calabrese.

Classe 2005. Studente in Scienze della Comunicazione all’Università degli Studi di Palermo. Aspirante giornalista sportivo e grande appassionato di calcio.

Calcio

La Spagna è campione d’Europa per la quarta volta. Oyarzabal in scivolata decide Euro2024

Published

on

Sotto il cielo dell’Olympiastadion la Spagna vince la finale e scrive la storia dei campionati europei. Nell’ultimo atto di Euro2024 la squadra di De La Fuente vince 2-1 e conquista il suo quarto campionato europeo, prima squadra a riuscire in tale impresa. Dopo il fallimento di Euro2021, l’Inghilterra un’altra finale, tradita dal gol di Oyarzabal nel finale.

In avvio il possesso palla è in mano alla Spagna, in pieno controllo del gioco dinanzi al blocco inglese disposto da Southgate. Nel primo quarto d’ora le due squadre non creano occasioni, limitandosi a una prevedibile fase di studio. L’Inghilterra cerca soprattutto di limitare le stelle iberiche, ma sa fare male quando riesce a distendersi. Seconda parte di prima frazione che si imbruttisce, arrivano anche un paio di gialli, a Kane e Olmo, e poco altro. L’Inghilterra tatticamente mette la museruola al gioco iberico con Foden che sta a uomo su Rodri e Shaw che ha il compito di seguire come un’ombra Yamal. Nico Williams dopo un paio di accelerazioni iniziali di spegne, mentre l’Inghilterra fa male solo quando riesce a verticalizzare, il che gli riesce abbastanza di rado.

La ripresa si apre senza uno dei protagonisti principali: dopo un salvataggio in scivolata su una conclusione di Kane, Rodri accusa un problema al flessore ed è costretto a lasciare il campo, sostituito da Zubimendi. Nel secondo tempo salgono subito in cattedra i due gioielli della Roja: Carvajal serve di esterno Yamal che si accentra e serve il pallone a Nico Williams, libero di incrociare il mancino sul secondo palo e sbloccare la finale. All’ora di gioco Southgate decide di sostituire Kane per inserire Ollie Watkins, match-winner della semifinale contro l’Olanda. Dopo un quarto d’ora di completo assedio iberico, l’Inghilterra comincia ad affacciarsi nella metà campo della Roja. La prima grande occasione dell’Inghilterra arriva dai piedi di Jude Bellingham, che si libera di tre avversari con un controllo sublime e spara una rasoiata mancina che termina fuori di poco. La risposta della Spagna arriva con Yamal che sfiora un gol storico con un mancino sul secondo palo, prodigiosa la risposta in tuffo di Pickford. Al 72′ l’Inghilterra pareggia la partita: Saka entra in area e serve Bellingham, chiudo da due giocatori spagnoli, che appoggia al limite dell’area il pallone a Cole Palmer (entrato al posto di Mainoo) libero di piazzare il mancino a fil di palo, alle spalle di Unai Simon. L’inerzia della partita cambia nuovamente dopo il pareggio di Palmer, con la Spagna che comincia a soffrire la velocità e l’estro degli attaccanti inglesi, mentre la squadra di Southgate (ancora una volta decisivo con le sue scelte dalla panchina) si riversa in avanti alla ricerca della rete del sorpasso. All’86’ la Spagna colpisce nuovamente: Olmo serve Oyarzabal che gira di prima sull’esterno verso Cucurella, lucido nel disegnare il cross basso verso il primo palo dove arriva Oyarzabal in scivolata e fa 2-1. Al 90′ l’Inghilterra sfiora il pareggio: il corner di Palmer pesca Rice da solo sul secondo palo, il colpo di testa viene respinto da Unai Simon, il pallone rimane vagante nei pressi dell’area piccola dove Guehi colpisce di testa e sulla linea salva Dani Olmo. Dopo un tentativo di assedio degli inglesi al termine dei quattro minuti di recupero, l’arbitro Letexier mette fine a Euro2024, sancendo la vittoria della Spagna.

Un europeo praticamente perfetto delle Furie Rosse, vittoriosi in tutti e sette i match disputati. La squadra di De La Fuente trionfa nella notte di Berlino grazie alla spregiudicatezza e all’estro della giovanissima coppia Yamal-Williams, e grazie ai fedelissimi del c.t. iberico, come Fabian Ruiz, Merino e Oyarzabal, decisivi stasera e nel corso di tutta la competizione. Trionfa la squadra che ha divertito di più, trionfa la squadra che ha giocato il miglior calcio, e adesso il panorama calcistico mondiale torna a temere il ritorno delle Furie Rosse.

Prosegue la maledizione dell’Inghilterra. Seconda delusione in finale nel corso di pochi anni. Dopo la sconfitta contro l’Italia a Wembley, i ragazzi di Southgate perdono anche la finale a Berlino e allungano la striscia di insuccessi a 68 anni (l’ultimo -e unico- trionfo nel mondiale del 1966). Ennesima delusione anche per Harry Kane, alla ricerca del primo titolo in carriera.

Continue Reading

Calcio

Southgate azzecca il cambo e batte l’Olanda. Watkins porta gli inglesi alla seconda finale consecutiva

Published

on

Si chiude il quadro delle semifinali di Euro2024. A Dortmund l’Inghilterra vince 2-1 in rimonta contro l’Olanda e raggiunge la seconda finale europea consecutiva. Il 14 luglio all’Olympiastadion di Berlino sarà Spagna-Inghilterra.

In avvio l’Olanda approccia la gara in maniera aggressiva, al cospetto della solita Inghilterra compassata e lenta nel possesso palla e nelle verticalizzazioni. Su una pressione alta degli Oranje nasce il vantaggio: al 7′ Xavi Simons ruba palla a Rice, si presenta al limite dell’area e scarica un bolide sotto l’incrocio dei pali. Dopo aver subito lo svantaggio, l’Inghilterra alza il ritmo e comincia a mettere alle corde l’Olanda, riuscendo a pareggiare la gara dopo meno di dieci minuti: al 18′ l’arbitro Zwayer assegna un calcio di rigore, con l’ausilio del VAR, per un intervento scomposto di Dumfries su Kane. Dal dischetto il centravanti del Bayern Monaco incrocia e pareggia i conti. Intorno alla mezz’ora emerge -finalmente- Phil Foden. Il talento del Manchester City prima disegna un arcobaleno a giro che si stampa sul palo, ad un passo da un gol meraviglioso (facsimile del gol di ieri di Lamine Yamal) e poi con un destro da distanza ravvicinata, intercettato sulla linea da Dumfries. a dieci minuti dall’intervallo la gara perde uno dei suoi protagonisti, poiché Depay è costretto ad abbandonare il terreno di gioco a causa di un infortunio muscolare, sostituito da Veerman. Prima dell’intervallo l’Olanda sfiora il vantaggio su calcio piazzato, con la traversa di Dumfries su cross di Xavi Simons.

Al rientro dagli spogliatoi i due allenatori decidono di mettere subito mano alla panchina. Koeman decide di aumentare il peso dell’attacco Oranje e inserisce Weghorst al posto di Malen; mentre Southgate inserisce Shaw al posto di Trippier. Sulla falsa riga del primo tempo, anche nella ripresa l’Inghilterra mantiene stabilmente il controllo del pallone, alla ricerca di spazi dove colpire. Al 64′ un gran cross a giro di Veerman pesca Van Dijk al centro dell’area, la conclusione di stinco del centrale olandese viene respinta in tuffo da Pickford. La paura e la tensione cominciano a prendere il sopravvento intorno all’ora di gioco, con le due squadre che non si sbilanciano e il risultato non si blocca. Al 78′ l’Inghilterra trova il vantaggio con Saka, ma la rete è annullata per un fuorigioco di Walker. I cambi finali di Southgate decidono la gara nel finale, perché al 90′ Watkins (entrato al posto di Kane) riceve palla da Palmer (entrato al posto di Foden), si gira e incrocia il destro sul secondo palo, per una rete che porta l’Inghilterra in finale a Berlino.

Termina in semifinale l’avventura a Euro2024 dell’Olanda. Nonostante le assenze pesanti di De Roon, De Jong e Koopmeiners, la squadra di Koeman saluta l’europeo a testa alta, dopo un percorso di alto livello che si interrompe al penultimo atto contro l’Inghilterra. La squadra di Southgate raggiunge la seconda finale consecutiva, e vola a Berlino dove affronterà la Spagna. Appuntamento all’Olympiastadion il 14 luglio, per una finale che promette spettacolo.

Continue Reading

Calcio

Nel segno di Olmo e Yamal. La Spagna vince 2-1, elimina la Francia e vola in finale

Published

on

La Spagna è la prima finalista di Euro2024. A Monaco di Baviera la Roja vince 2-1 in rimonta e conquista il pass per la finale di Berlino. Ennesima prova di forza della Spagna, che dopo aver eliminato la Germania fa fuori anche la Francia e stacca il pass per la finale di Berlino, dove affronterà la vincente di Olanda-Inghilterra, in programma domani alle 21.00 a Dortmund.

Dopo un avviopiuttosto confusionario e nervoso, la squadra di Deschamps si porta  in vantaggio dopo una deliziosa giocata di Mbappè, rifinita da Kolo Muani. La Spagna non si scompone e comincia ad alzare i giri del motore, approfittando della scelta conservativa della Francia, che si compatta all’indietro e non forza la giocata. Al 21′ l’appuntamento con la storia: Lamine Yamal riceve palla, la sposta sul mancino e disegna un arcobaleno a giro che accarezza il palo e si insacca alle spalle di Maignan, diventando il marcatore più giovane della storia degli europei. Al 25′ la Roja completa la rimonta, con un diagonale di Dani Olmo deviato in rete da Koundé. La reazione dei vice campioni del mondo fatica ad arrivare, con le uniche occasioni francesi che arrivano da calci piazzati battuti in modo goffo da Dembelé.

Nel secondo tempo il ritmo si abbassa. La Francia comincia ad affacciarsi regolarmente dalle parti di Unai Simon, con due conclusioni di Tchouameni e Mbappé. Il triplo cambio di Deschamps, con gli ingressi di Griezmann, Barcola e Camavinga (al posto di Kanté, Rabiot e Kolo Muani) certifica il momento di difficoltà dei francesi, in difficoltà in fase offensiva e spesso sovrastati a centrocampo dalle giocate intelligenti di Rodri e Fabian Ruiz. Intorno all’ultimo quarto di gara, la pressione della Francia aumenta e la Spagna comincia a gestire il possesso con più lucidità, costringendo i vice campioni del mondo a girare spesso a vuoto. Il cambio della disperazione di Deschamps è l’ingresso di Giroud, all’esordio in questo suo ultimo europeo, al posto di un evanescente e insufficiente Dembelé. All’80’ è ancora Yamal a infiammare il pubblico dell’Allianz Arena, con un mancino a giro che termina di poco alto. All’85’ Mbappé ha l’occasione per pareggiare la gara, servito da Barcola dopo una serpentina in mezzo ai centrocampisti spagnoli, ma calcia male e la palla termina in curva. Nel finale la Spagna difende il risultato con le unghia e con i denti, non concedendo nemmeno un’occasione alla Francia, che saluta l’europeo con un solo gol su azione all’attivo, a testimonianza della poca brillantezza avuta dalla squadra di Deschamps durante questa spedizione tedesca.

Si chiude con l’amaro in bocca l’europeo della Francia, con Mbappé che saluta Euro2024 con un solo gol all’attivo e un europeo giocato al di sotto delle aspettative. La squadra di Deschamps torna a casa dopo cinque gare giocate al di sotto della sufficienza, non riuscendo mai a dare l’impressione di essere la squadra cinica e determinata che era arrivata in finale nello scorso mondiale.

Continue Reading

Facebook

Altri articoli in ‘Calcio’

Trending

Copyright © 2024 - by Exit Web Systems

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.